mostre vini in provincia di treviso
distanziatorea HOME distanziatores DOVE DORMIRE A TREVISO distanziatored RISTORANTI distanziatoref NEWSLETTER distanziatoreg PIANTA DELLA CITTÀ distanziatoreh IMMAGINI DI TREVISO distanziatorej E . V. distanziatorek english version distanziatorel
 
COME ARRIVARE
pdistanziatore
MUSEI DI TREVISO
zdistanziatore
EDIFICI STORICI
xdistanziatore
MURA E PORTE
cdistanziatore
STORIA DI TREVISO
vdistanziatore
CHIESE
bdistanziatore
UNIVERSITÀ
bdistanziatore
EVENTI A TREVISO
ndistanziatore
HOTELS, ALBERGHI
ndistanziatore
ENOTECHE
mdistanziatore

adistanziatore  

MOSTRA STEVE MCCURRY. ICONS A CONEGLIANO

 

La mostra Steve McCurry. Icons sarà visitabile a Palazzo Sarcinelli a Conegliano dal 23 dicembre 2020 al 2 maggio 2021.
Il visitatore avrà l’occasione di ammirare una selezione di un centinaio di fotografie; tra queste, gli scatti realizzati dal noto fotografo statunitense durante le guerre in Iran, Iraq, Cambogia, Filippine, Libano, Kwait e ex Jugoslavia o in Afghanistan.

Nato nel 1950 a Filadelfia McCurry entrò neppure trentacinquenne in Afganisthan per scoprire la realtà dei campi profughi e per seguire i Mujaheddin nel periodo dell’occupazione russa.

A questo periodo risale una delle più famose foto di Steve McCurry che immortalò nel 1984 il volto Sharbat Gula nel campo profughi di Peshawar in Pakistan dove la ragazza aveva solo 12 anni.

L’anno successivo fu pubblicata nella prima pagina del National Geographic e contribuì in modo importante alla notorietà nel mondo di McCurry.  Saranno presenti anche alcun dei migliori scatti fotografici realizzati durante il viaggio in India.

L’obiettivo delle foto di Steve McCurry è quello di osservare le persone, soprattutto i popoli mediorientali, per conoscerne le usanze, il modo di vivere e le tradizioni che la modernizzazione imperante tende cancellare.

corsa sole donne Mostra Steve McCurry. Icons a Conegliano 
     

Ma le foto di Steve McCurry raccontano di volti, persone, paesaggi, attimi a volte drammatici immortalati per sempre ed incontrati anche a Cuba, Giappone, Pakistan, Malesia o nell’Artico.

Emblematica è la foto dei pescatori in Sri Lanka quasi sospesi nell’atto di pescare esposta a Palazzo Sarcinelli.

Sono fotografie che immortalano sempre istanti particolari e si contraddistinguono per i colori forti, contrastanti che suscitano nello spettatore profonde emozioni come la foto “dust storm” – tempesta di sabbia che ritrae un gruppo di donne in Rajasthan intente a proteggersi dalla sabbia o come l’immagine delle 4 monache vestite di rosa che camminano sotto la piaggia a Rangoon in Birmania.

  foto di pescatori in sri lanka alla mostra steve mccurry icons
     

Le foto di Steve McCurry non sono solo rappresentazioni di volti, ma un insieme di dettagli che comprendono anche ornamenti, orecchini, anelli accomunati da una forte saturazione dei colori: rossi, verdi, ocra, blu la fanno da padroni come la foto che ritrae il misterioso rito religioso della danza del popolo Asaro in Papua, Nuova Guinea dove i partecipanti coperti di fango indossano delle maschere di legno e dei bastoncini di bambù sulle dita o la foto del ragazzo della provincia di Nuristan nel nord dell’Afghanistan.

Il percorso espositivo della mostra di Steve McCurry a Conegliano sarà arricchito dalla presenza di due punti in cui saranno proiettati dei video: uno che documenta l’incontro a distanza di 30 anni con Sharbat Gula che nel frattempo si è sposata e diventata mamma di 3 bambini e l’altro video il cui il noto fotografo parla dei segreti del suo mestiere.

  foto danza del popolo asaro in papua nuova guinea alla mostra steve mccurry icons
     

In mostra a Palazzo Sarcinelli non saranno esposte solo foto di guerra, ma anche famosi ritratti fotografici come quello dell’uomo coperto di polvere durante l’Holi Festival in India o il fotoritratto dell’uomo anziano della tribù Rabari in Rajasthan, momenti di vita quotidiana, uno spaccato dell’esistenza delle popolazioni del Medio Oriente.

Con questa mostra, organizzata da Artika srls in collaborazione con Sudest57 e curata da Biba Giachetti, la città di Conegliano Veneto si pone sempre più come sede ideale di eventi culturali di ampio respiro non solo nazionale.

  fotoritratto dell'uomo anziano della tribù rabari in rajasthan alla mostra steve mccurry icons
 
 

INFORMAZIONI SULLA MOSTRA STEVE MCCURRY. ICONS

La mostra Steve McCurry. Icons sarà aperta al pubblico a Palazzo Sarcinelli a Conegliano dal 23 dicembre 2020 al 2 maggio 2021 con i seguenti orari:

- dal mercoledì al venerdì: dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00;

- sabato, domenica, festivi: dalle 10:00 alle 19:00

Biglietti:

- biglietto intero: € 12,00;

- biglietto ridotto: € 10,00 (studenti under 26, soci enti convenzionati, residenti nel Comune di Conegliano dal mercoledì al venerdì).

  informazioni sulla mostra di steve mccurry a conegliano
.