arturo martini
distanziatorea HOME distanziatores DOVE DORMIRE A TREVISO distanziatored RISTORANTI distanziatoref NEWSLETTER distanziatoreg PIANTA DELLA CITTÀ distanziatoreh IMMAGINI DI TREVISO distanziatorej E . V. distanziatorek english version distanziatorel
 
COME ARRIVARE
distanziatored
MUSEI DI TREVISO
distanziatoref
EDIFICI STORICI
distanziatoreg
MURA E PORTE
distanziatoreh
STORIA DI TREVISO
distanziatorej
CHIESE
distanziatorej
UNIVERSITÀ
distanziatorek
EVENTI A TREVISO
distanziatorel
HOTELS, ALBERGHI
distanziatoreq
ENOTECHE
distanziatorew
CANTINE
distanziatorew

distanziatoree  

MOSTRA "LA FIERA DI SAN LUCA NEI DOCUMENTI E NEI MANIFESTI DELL’ARCHIVIO DI STATO DI TREVISO"

Dal 22 settembre al 20 dicembre 2019
   
La partecipazione deIl’Archivio di Stato alle Giornate Europee del Patrimonio 2019 é stata lieta circostanza per allestire, con il patrocinio e la collaborazione della Città di Treviso, la mostra documentaria "La Fiera di San Luca nei documenti e nei manifesti dell'Archivio di Stato di Treviso", dedicata ad una delle tradizioni cittadine più longeve e radicate: Le Fiere di San Luca a Treviso.   mostra la fiera di san luca nei documenti e nei manifesti dell'archivio di stato di treviso
   
II progetto espositivo realizzato da Emilio Lippi, già direttore della Biblioteca e dei Musei Civici e da Carolina Pupo, ai quali va il mio più sentito ringraziamento, si caratterizza per la grande capacità, da un lato, di coinvolgere la cittadinanza e la comunità del territorio, daII’aItro di creare collegamenti con la storia, I'arte, il paesaggio degli altri paesi europei in forte sintonia, dunque, con il respiro internazionale delle Giornate del Patrimonio.
 
Le Fiere di San Luca a Treviso sono, infatti, occasione di mercato e quindi di redditizi scambi economici che hanno tradizioni antichissime nelle città e nei borghi di tutta Europa. Sono possibilità di approvvigionamento di prodotti provenienti anche da lontano, da regioni tanto più remote quanto maggiore é la notorietà che la Fiera riesce ad acquisire tra i mercanti.
 
Da qui I’importanza di comunicare la Fiera per ”rompere la cerchia ristretta degli scambi ordinari" ( Braudel, 1981) destinati al soddisfacimento del bisogno di cibo e di utensili per la vita quotidiana ( Lippi, Pupo 2019).
 
Nucleo importante del percorso offerto al pubblico è costituito, dunque, dalle stampe e dai manifesti che il Comune faceva recapitare anche nelle regioni limitrofe al fine di attrarre un maggior numero di operatori economici; manifesti che, nel corso del tempo, vengono confezionati in modo sempre più elaborato, tanto da raggiungere, in taluni casi, pregevole valore artistico.
 
Le fiere costituivano, tuttavia, anche opportunità di socialità, di svago, di incontro di genti e di costumi diversi, di trasmissione di informazioni, in un’epoca in cui Ie notizie viaggiavano, sostanzialmente, di bocca in bocca. Era no momento di gioco, di baraonda, di musica popolare e di festa.
 
Sono, scriveva F. Braudel, “il mondo alla rovescia”, un mondo popolato non soltanto da mercanti, ma anche da "indovine, giocolieri, prestigiatori, funamboli, buffoni, cavadenti, musici e cantanti girovaghi”.
 
Di questo aspetto, ludico e sociale, resta memoria e testimonianza nelle relazioni delle guardie municipali e nelle richieste di spazi nel prato della fiera per installare giostre o baracconi.
 
II tema, dunque, si presta ad attirare la curiosità e I’attenzione di molti e a far conoscere Ie origini ed il significato della Fiera ai tanti ragazzi e giovani che hanno frequentato e frequenteranno Ie giostre ed i divertimenti ogni anno offerti nel grande Prato cittadino.
 
Per dare a tutti, anche ai ritardatari, la possibilità di visitarla, la mostra resterà aperta fino al 20 dicembre 2019, ben oltre quindi il periodo di svolgimento della Fiera, quest’anno compreso tra il 4 ed il 20 ottobre 2019.
 
Resta, in conclusione, il gradito compito di ringraziare il Direttore della Biblioteca Capitolare di Treviso, prof. Claudio Favaretto, per aver consentito di esporre in riproduzione, accanto ai tanti documenti deII’Archivio di Stato di Treviso, due tra le più antiche testimonianze della Fiera trevigiana ; il Sindaco della Città di Treviso Mario Conte, I’Assessore alla Cultura Lavinia Colonna Preti ed i componenti della Giunta MunicipaIe per il patrocinio ed il concreto sostegno all’iniziativa.
     

ORARI DELLA MOSTRA "LA FIERA DI SAN LUCA NEI DOCUMENTI E NEI MANIFESTI DELL’ARCHIVIO DI STATO DI TREVISO"

La mostra "La Fiera di San Luca nei documenti e nei manifesti dell'Archivio di Stato di Treviso" resterà aperta dal 22 settembre al 20 dicembre 2019 presso l'Archivio di Sato di Treviso con il seguente orario:

- Lunedì, mercoledi, venerdi: dalle 8.30 alle 13.30;

- Martedì e giovedì: dalle 8.30 alle 17.00.

INGRESSO LIBERO