chiesa di santo stefano a treviso
distanziatorea HOME distanziatores DOVE DORMIRE A TREVISO distanziatored RISTORANTI distanziatoref NEWSLETTER distanziatoreg PIANTA DELLA CITTÀ distanziatoreh IMMAGINI DI TREVISO distanziatorej E . V. distanziatorek english version distanziatorel
 
COME ARRIVARE
distanziatorez
MUSEI DI TREVISO
distanziatorex
EDIFICI STORICI
distanziatorec
MURA E PORTE
distanziatorev
STORIA DI TREVISO
distanziatoreb
CHIESE
distanziatoren
UNIVERSITÀ
distanziatorem
EVENTI A TREVISO
distanziatorea
HOTELS, ALBERGHI
distanziatores
ENOTECHE
distanziatored
NUMERI UTILI
distanziatoref
distanziatoreg
PARCHEGGI
distanziatoreh
distanziatorej
distanziatorek
IMMAGINI
distanziatorel
distanziatoreq

distanziatorez  

LA CHIESA DI SANTO STEFANO, Via Diaz - Treviso

 
Le prime notizie sulla storia della Chiesa di Santo Stefano, sita nel centro storico di Treviso, risalgono all’epoca longobarda in cui fu qui eretta una cappella dedicata al Santo patrono, mentre le prime testimonianze scritte appartengo all’anno 1000 circa.
   

Agli inizi del 1500 un terremoto causò il crollo del campanile della Chiesa e fu riedificato solamente duecento anni dopo. È relativa alla metà del 1700 la riedificazione del corpo centrale della Chiesa di Santo Stefano su progetto del conte Ottavio Scotti al quale sono attribuiti pure i tre altari: i due minori di stile neoclassico e quello maggiore.

Opera del conte pure il progetto della cattedrale di Ceneda, a Vittorio Veneto, realizzato quasi contemporaneamente. Ai primi del ’800, come già si era fatto per altre chiese in Treviso, si tentò l’ampliamento con l’aggiunta delle navate laterali originariamente assenti.

Circa un secolo dopo, l’interno della Chiesa fu riccamente decorato e nel dopoguerra soffitto e pareti furono rimaneggiati.

A destra: dettaglio statua posta sopra l’entrata principale
distanziatorec
immagini chiese treviso
 
 
foto chiesa di santo stefano treviso
distanziatored

Attualmente la Chiesa è in laterizio intonacato, sulla facciata principale sono visibili quattro colonne di ordine corinzio; più recenti sono le due ali caratterizzate da semifrontone.

 

La Chiesa, a pianta rettangolare, conserva: una pala, opera di Domenico Maggiotto, raffigurante San Cristoforo, affiancato da due apostoli ed un dipinto di Jacopo Guarana, posto sull’altar maggiore, raffigurante il martirio di Santo Stefano.

 
A sinistra: la Chiesa di Santo Stefano oggi
     
A marzo 2010 sono stati stanziati dei fondi pari a 100.000 euro, destinati al restauro della Chiesa di Santo Stefano grazie alla Legge Mancia.